Biodigestore, cresce il fronte del no: ''Pronti a fermare le ruspe''

26 settembre 2019, 15:22
492
Condividi
Sindaci, amministratori, cittadini, produttori vitivinicoli dicono no alla realizzazione del Biodigestore a Chianche. L'incontro nella sala consiliare del comune di Petruro. Determinato il sindaco Giuseppe Lombardi: ''Chi vuole realizzare l'impianto sappia che ci troverà davanti alle ruspe''. Presenti i primi cittadini di Santa Paolina, Montefusco, Torrioni, Altavilla. L'impianto per trattare l'umido e produrre compost dovrebbe nascere nel comune di Chianche, nel pieno dell'area dove viene prodotto il pregiato Greco di Tufo. Chi si oppone, sottolinea i rischi per l'inquinamento, la viabilità precaria, la carenza di infrastrutture, il danno di immagine e reputazionale per una terra che vuole puntare su enogastronomia e turismo. Nel frattempo si spera, dopo la bocciatura del Tar, nel ricorso al Consiglio di Stato. Per la Regione l'impianto si può fare anche senza la Valutazione di Impatto ambientale, una follia secondo amministratori e attivisti.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO