Da Avellino a Mercogliano, si estende il focolaio: 18 casi in tutto

02 settembre 2020, 20:35
1485
Condividi
Ormai è un focolaio Covid vero e proprio quello che sta interessando il capoluogo e che si è esteso anche alla vicina Mercogliano. Sono 18 infatti le persone positive al coronavirus scoperte negli ultimi giorni. A far scattare l’allarme il ricovero al Moscati del 60enne dipendente di Palazzo Caracciolo. Altri sette casi son stati comunicati oggi dall’Asl: 2 ad Avellino, che vanno ad aggiungersi ai 10 già conclamati, e 5 a Mercogliano, dove il numero dei positivi sale a 6. Tutte persone riconducibili al cluster della famiglia avellinese. Il virus pare abbia attaccato in primis il figlio 29enne che poi rientrato da un viaggio fuori dai confini regionali ha contagiato tutto il nucleo familiare, il padre, la madre e la sorella 24enne. Da lì il Covid ha continuato indisturbato a circolare nel capoluogo e hinterland anche perché, a parte il 60enne ricoverato nel reparto di malattie infettive della città ospedaliera, si tratterebbe di tutti casi asintomatici. A questi si devono aggiungere altri 5 positivi comunicati sempre oggi da via degli Imbimbo: ancora 2 nuovi casi a Mercogliano, si tratta di due persone che appartengono allo stesso nucleo familiare e che hanno fatto ritorno da fuori regione, 1 nuovo positivo invece a Roccabascerana, 1 a Montemiletto (si tratta di rientri extra regionali) e un nuovo caso anche a Montemarano. “Si tratta di un cittadino che pare abbia contratto il virus – scrive in un post Facebook il sindaco Beniamino Palmieri - avendo avuto contatti con un parente proveniente da altra Regione”. Salgono quindi a 88 i positivi registrati negli ultimi 2 mesi in provincia di Avellino ma restano chiusi i reparti Covid degli ospedali irpini: quasi tutti i contagiati infatti sono asintomatici o presentano sintomi lievi. 117 invece i positivi comunicati dall’unità di crisi della regione Campania. Di questi 39 sono rientrati dalla Sardegna e dall’estero. Oltre 5mila i tamponi processati.
(di Vincenzina Ricciardi )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO