Il Centro Minerva come una trappola, tre i decessi per Covid

01 aprile 2020, 12:55
1601
Condividi

Si trovano ancora blindati all’interno della struttura di località Serra i 62 pazienti e 25 operatori sanitari a cui è stato fatto il tampone per la positività al Covid-19, dopo la morte di due anziane contagiate dal virus. Su 87 persone, 25 sono quelle risultate positive. La stragrande maggioranza sono degenti, pochi invece gli operatori infettati. Il record di positività tocca ancora una volta ad Ariano Irpino con 14 casi. Seguono con 2 Grottaminarda e Casalbore e con 1 Castel Baronia, Fontanarosa, Flumeri, Teora, Sturno e Montecalvo. Di questi nessuno al momento pare però accusare sintomi da coronavirus. È invece venuta a mancare la 25esima contagiata. Una 90enne di Scampitella, spirata ieri.

Il personale continua ad assistere i degenti, ma dopo due notti passate nel centro in condizioni di fortuna le operatrici lanciano un grido d’aiuto. Nella notte hanno allertato le forze dell’ordine e il direttore sanitario della struttura per avere ragguagli e soprattutto il cambio turno poiché stremate dalle condizioni in cui riversano. Dalle indiscrezioni che trapelano dalla struttura, il personale starebbe inoltre operando senza conoscere chi siano i pazienti risultati positivi.

Dello stesso avviso anche l’amministratore del Minerva, Nicola Chianca. “Il nostro centro - dice a 'Il Mattino'- non può trasformarsi in un ospedale per il Coronavirus - dice - è necessario trasferire gli ospiti che sono risultati positivi al tampone in altre strutture adeguate per l’assistenza”. Un appello lanciato all’Asl di Avellino e alla Regione Campania. E in attesa di provvedimenti dell’azienda sanitaria, Chianca ha già ricevuto la disponibilità della casa di cura Villa Maria di Mirabella Eclano che si è detta pronta a ospitare i pazienti che sono risultati contagiati. Le ipotesi di come il virus sia arrivato nella struttura arianese sono al vaglio.

Il centro non ha più consentito le visite ai degenti da tre settimane e da oltre due si trova in zona rossa. Per questo è scattata l’inchiesta della procura della Repubblica di Benevento. Un’inchiesta affidata dal procuratore Policastro ai carabinieri. Al lavoro c’è la compagnia di Ariano. Ma gli interrogativi sono moltissimi e riguardano sia la gestione della struttura sia l’attività di monitoraggio e controllo in capo all’Asl. Insomma un’altra brutta giornata per il Tricolle, che dall’incubo Covid-19 proprio non riesce a svegliarsi. In serata è arrivata la positività di altre 3 persone, che sommate alle 14 del Centro Minerva segnano un più 17 per un totale di 107 persone contagiate. 10 i decessi.

(di Vincenzina Ricciardi )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO