L’Irpinia protagonista con la Socotec Italia nel collaudo del ponte di Genova San Giorgio 

23 luglio 2020, 16:33
798
Condividi
Avellino, 23/07/2020 - SOCOTEC Italia, Società leader nel campo del Testing, Inspection e Certification connesse alla Grandi Infrastrutture ha supportato la società consortile PERGENOVA per la costruzione e il collaudo statico del Ponte Genova San Giorgio disegnato da Renzo Piano che verrà inaugurato il 3 agosto 2020 come annunciato dal Sindaco di Genova, Marco Bucci, alla presenza del Presidente delle Repubblica Sergio Mattarella.Le attività per la costruzione del ponte sono state svolte dal personale di SOCOTEC Italia a ritmi incessanti, lo stesso ritmo che ha caratterizzato la velocità di realizzazione del lavoro che ha richiesto risorse umane 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. La società Irpina è stata fondamentale per il successo di questo grande lavoro, in quanto ha fornito servizi cruciali. Ha contribuito, infatti, tramite il proprio operato alla costruzione del Ponte e in particolar modo al controllo dei materiali impiegati, dai calcestruzzi agli acciai.Dal giorno 18 al 21 luglio 2020 il team di SOCOTEC Italia ha effettuato attività di monitoraggio degli spostamenti, cedimenti e deformazioni ai fini del collaudo statico-dinamico del Ponte di Genova ovvero le ultime attività di controllo della struttura prima dell’innaugurazione.Le attività di questi ultimi giorni sono il grande è perfetto lavoro svolto dai tecnici di SOCOTEC Italia durante tutto il mese di giugno e luglio per l’installazione e il cablaggio di tutta la rete sensoristica lungo tutto il ponte e il magistrale feeling tra tutti gli attori coinvolti lavorando in maniera chirurgica. Tutti i dati acquisiti a bordo ponte, durante le attività del collaudo, erano visibili in tempo reale nella control room, appositamente allestita da SOCOTEC Italia, per il controllo di tutti i parametri deformativi del ponte durante il passaggio dei camion, che in alcune fasi sono stati 56 a pieno carico con un peso complessivo di oltre 2500 tonnellate.L’Irpino Carlo Case, Project Manager di SOCOTEC Italia «contribuendo attivamente alla realizzazione del Ponte di Genova San Giorgio, oltre ad aver avuto l’opportunità ed il privilegio di essere al fianco di aziende che rappresentano la punta di diamante del settore infrastrutturale a livello mondiale, la SOCOTEC Italia ha contribuito nel ricucire una ferita che ha toccato l'Italia intera e in particolare Genova».

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO