Tre giorni con zero contagi: Ariano resiste e spera

15 aprile 2020, 12:44
1648
Condividi
Ariano spera. Dopo tre giorni consecutivi senza nuovi casi di covid-19, il tricolle incrocia le dita nella speranza di essersi lasciata alle spalle la fase più difficile dell’emergenza. Ad un mese e mezzo dalla scoperta del primo paziente positivo, sono 144 gli arianesi che hanno contratto il virus, ben 21 i decessi registrati. In queste settimane, la situazione più delicata che Ariano si è trovata ad affrontare è stata sicuramente la scoperta di un nuovo focolaio al Centro Minerva. Alla rsa, dove erano ospiti 62 anziani, sono stati 21 i pazienti contagiati dal coronavirus. 3 le morti avvenute in struttura, 5 invece i degenti spirati nonostante il trasferimento all’ospedale Frangipane. Il resto dei contagiati si trovano ancora ricoverati nel reparto Covid del nosocomio arianese. Un Frangipane che, suo malgrado, si è trovato al centro dell’epidemia. Da lì potrebbe essersi mosso il contagio nei primi giorni, quelli cruciali per contenere l’espandersi della malattia. Avanza anche l’ipotesi che nella struttura di Località Serra il virus possa essere arrivato da qualche paziente trasferito dall’ospedale alla residenza per anziani. C’è di fatto che potrebbe essere stata questa situazione, e l’aumento del numero dei decessi sul Tricolle che sono quasi la metà di quelli irpini, a convincere il governatore da luca a firmare la proroga della zona rossa per Ariano blindata fino al 20 aprile. Nonostante tutto L’ASL di Avellino comunica che presso è attivo il servizio ambulatoriale diurno dalle 8 alle 20, festivi compresi, per garantire continuità assistenziale al percorso nascita. Le prestazioni erogate, secondo quanto previsto dal Ministero della Salute e dalla Regione Campania, sono le visite di controllo del benessere materno-fetale (visite, ecografie, cardiotocagrafia) e le visite urgenti per contrazioni uterine, minaccia d’aborto, minaccia di parto pretermine, mentre è attivo on line il percorso di accompagnamento alla nascita. L’accesso all’Area Parto avviene tramite un percorso dedicato, in totale sicurezza per la mamma e il bambino. Sono compresi anche tutti i controlli necessari per problematiche ginecologiche urgenti (e sono garantire 24 ore su 24 tutte le emergenze ostetrico ginecologiche.
(di Vincenzina Ricciardi )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO