Donna di Frigento muore dopo l'intervento chirurgico, aperta un'inchiesta

sanità-chirurghi
30 giugno 2015, 12:13
5063
Condividi
Una donna di 64 anni di Frigento è deceduta a seguito di un lungo intervento chirurgico che si è svolto nel capoluogo irpino.
Carmelina Santoli, questo il nome della vittima, ha raggiunto la struttura ospedaliera lo scorso 16 giugno per un intervento programmato di tiroidectomia per gozzo colloido-cistico. Questa la ricostruzione della vicenda secondo il legale:
''L’intervento si è svolto il giorno successivo: la durata prevista era di tre ore, ma la donna è entrata in sala operatoria alle 9.30, uscendo alle 18.30. Proprio all’uscita, la paziente è risultata cosciente e parlava con i parenti presenti, ma presentava problemi di natura respiratoria.
I medici hanno assicurato che la paziente aveva avuto uno spasmo tracheale, comunque risolto: il tutto sarebbe stato riconducibile ad un normale decorso post operatorio.
La paziente, però, ha continuato a manifestare problemi di natura respiratoria ed è entrata in coma.
Il 19 giugno, la donna è stata trasferita in un'altra struttura, in provincio di Caserta, dove dopo una settimana (il 26 giugno) è deceduta''.
La figlia della signora Santoli ha presentato denuncia prima al Commissariato di Polizia di Ariano Irpino e successivamente a quello di Castel Volturno chiedendo urgenti accertamenti. Il caso è seguito dal legale di fiducia, l’Avvocato Guerino Gazzella del foro di Benevento. “Ci impegneremo affinché venga fatta chiarezza sull’episodio, ripercorrendo tutte le tappe che hanno portato al decesso della donna. Ma soprattutto faremo il possibile affinché si ottenga giustizia – ha dichiarato Gazzella".
Nel frattempo, in seguito alla denuncia, sono diverse le persone sottoposte all'indagine. La Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Santa Maria Capua Vetere ha disposto l'esame autoptico.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO