Uccide un uomo, accoltella una donna e tenta il suicidio /VIDEO

15 novembre 2018, 12:38
4249
Condividi
Uccide un uomo a coltellate, ferisce alla gola una donna e poi si lancia dalla finestra. Follia questa mattina ad Avellino. Il dramma in un'abitazione del centro storico. Protagonista un 32enne che dopo aver ammazzato Claudio Zaccaria, 25 anni, ha colpito una giovane 18enne e minacciato di far esplodere il palazzo con il gas. La tragedia si è conclusa con il salto dell'uomo dalla finestra sotto lo sguardo attonito dei passanti. Giallo sul movente.

Uccide un uomo, ferisce alla gola una donna e poi tenta il suicidio. E' una vera è propria tragedia quella che si è consumata questa mattina ad Avellino. La follia omicida è scattata intorno alle 11, in pieno centro storico, a pochi passi da Corso Umberto I.

Un uomo di 32 anni ha avuto una lite all'interno della sua abitazione con un altro ragazzo, Claudio Zaccaria, 25 anni, ucciso a coltellate. Nell'appartamento era presente, o era appena rientrata, anche una ragazza, una diciottenne originaria di Atripalda, rimasta ferita alla gola forse nel tentativo di difendere Claudio, il fidanzato. Sanguinante e sotto shock la donna è scesa in strada per chiedere aiuto. Quando sono giunti soccorsi e forze dell'ordine, il presunto omicida, nonostante i tentativi di dissuaderlo messi in atto dagli agenti della Polizia, si è affacciato alla finestra dell'abitazione con l'intento di lanciarsi nel vuoto. Pare che poco prima avesse tentato di farla finita tagliandosi le vene. Con i vestiti sporchi di sangue, ha chiesto scusa a tutti e poi si è lasciado cadere tra le urla dei passanti, gli agenti che tentavano di salvarlo e qualcuno che riprendeva con il telefonino. Immagini che, per il rispetto dovuto a vittime e familiari, non vi mostreremo. L'uomo, riverso sull'asfalto ed esanime, è stato portato al Moscati di Avellino, dove è ricoverato in gravi condizioni. Anche la ragazza ora si trova al Moscati ed è, a quanto si apprende, fuori pericolo di vita.

Prima di tentare il suicidio - all'arrivo della Polizia - il 32enne aveva minacciato di far saltare il palazzo con il gas. La zona è stata dunque isolata ed in parte evacuata. Sul posto oltre alla scientifica è arrivato il magistrato Paola Galdo ed il medico legale Lamberto Pianese. Nel primo pomeriggio è stata portata via la salma della vittima.

Insomma, una tragica giornata per il capoluogo che si conclude con un morto ammazzato, una donna ferita, e con il presunto omicida che ha tentato il suicidio e che potrebbe avere le ore contate. Gli inquirenti tendono ad escludere il movente passionale, come inizialmente ipotizzato. In casa sarebbero state trovate bottiglie vuote di alcool e sostanze stupefacenti. Alla base della tragedia ci sarebbero dunque motivi legati all'uso o alla vendita di droga. Ma il condizionale è d'obbligo. Non si esclude alcuna pista.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO