“La Terra dei Viventi” , l'ultimo libro di Raviele: un viaggio nell’anima e nei ricordi

29 gennaio 2021, 13:01
905
Condividi
Un viaggio nell’anima e nei ricordi; in primo piano Assisi che rimanda all’immagine di suo figlio ragazzino: Gianni Raviele si racconta nella sua ultima opera “La terra dei Viventi” e, nella scrittura, trova un dolce conforto dopo la perdita del figlio Luca.
Il dolce ricordo del figlio scomparso prematuramente e in primo piano, Assisi e i luoghi di San Francesco. Gianni Raviele, per anni giornalista Rai, nella sua ultima opera “La Terra dei Viventi” (Ciardiello e Lonardo editore), trovando conforto nella scrittura e nei ricordi del passato, racconta il dolore per la perdita del figlio Luca, scomparso a causa di un male incurabile. Un racconto intimo e personale quello dell’intellettuale irpino, di San Martino Valle Caudina, che pochi giorni fa ha compiuto 89 anni. Nel piccolo volume di 44 pagine, c’è anche il rapporto con Assisi, luogo dell’anima ma anche di incontri con frati e suore missionarie. E Assisi rimanda all'immagine di Luca ragazzino rimasto a bocca aperta di fronte all’immenso cielo blu di Giotto, nella basilica. Il libro di Gianni Raviele, uomo di cultura, è stato donato anche a Papa Francesco che ha voluto ringraziare l’autore. Raviele, anche grande viaggiatore (nel suo ultimo volume ha definito "i viaggi come traversate dell’anima") è stato responsabile della redazione cultura del TG1 e tra i fondatori del TG delle 13.30 con Andrea Barbato e Piero Angela, vicedirettore del TG2, e dal 1998 cura la linea editoriale di Canale 58. Il suo ultimo diario è lontano dall’essere un bilancio della sua attività . E’ anzi un viaggio a ritroso nell’anima, nel tempo della memoria, nei luoghi che hanno lasciato un segno ancora vivido e che raccontano intensamente di Luca, strappato troppo presto all’esistenza terrena.  “Tornato ai colli, ai pini amati e nel ritmo dell’aria il patrio accento che non riudrò con te, mi spezza a ogni soffio”. È il dolce e straziante saluto di Gianni Raviele al figlio.
(di Nancy D'Alessandro )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO