Cia Avellino, Granaio Italia: “Importante strumento di tutela della cerealicoltura made in Italy”

20 gennaio 2021, 21:09
620
Condividi

Uno strumento per la difesa della cerealicoltura made in Italy. Con la legge di bilancio 2021, è stato istituito un registro telematico ad hoc nel Sian, il portale del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

"Un importante strumento per la tutela dei cereali ed in particolare del grano prodotto in Italia.   La costituzione del "Granaio Italia" – dichiara Giuseppe Donatiello, presidente GIE Cereali - CIA Agricoltori Italiani di Avellino – rappresenta un segnale di attenzione per la cerealicoltura italiana"Allo scopo di favorire il monitoraggio delle produzioni cerealicole presenti sul territorio nazionale, chiunque detenga cereali e farine di cereali è tenuto a registrare tutte le operazioni di carico e scarico, se la quantità del singolo prodotto supera le 5 tonnellate annue.In particolare le operazioni di carico e scarico per vendita o trasformazione di cereali e sfarinati a base di cereali, di provenienza nazionale e ‘unionale’ ovvero importate da paesi terzi, devono essere registrati sul Sian entro sette giorni lavorativi. Il decreto attuativo dovrà poi trovare d’accordo le regioni. Sulla base dei dati provvisori Istat le importazioni in Italia nel settore dei cereali, semi oleosi e farine proteiche, nei primi sette mesi del 2020, sono risultate in aumento nelle quantità di 217mila tonnellate (+1,8 per cento) e nei valori di 77,4 milioni di euro (+2,3 per cento), rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

"L’auspicio - aggiunge il presidente GIE Cereali Donatiello - è quello che si possa davvero riuscire a tracciare lo spostamento di tutte le categorie di cereali in Italia in tutti i diversi passaggi soprattutto quando si tratti di prodotti importati dall'estero"; cosi come avviene già nelle filiere cerealicole principalmente sul Grano Duro e Grano Tenero, mà da sole non bastano!; ci auspichiamo davvero che possa essere diffuso a tutti i consumatori, che quando acquistano pasta o pane si conoscesse la vera origine del prodotto, e soltanto così che garantiamo da un lato i consumatori e dall’altro i produttori.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO