Tra riconferme e sorprese, l'irpinia ha scelto: ecco i 33 sindaci

04 ottobre 2021, 20:14
1402
Condividi

Tra riconferme e sorprese, l'Irpinia ha 33 nuovi sindaci. Bassa l'affluenza, alle urne si è recato solo il 61,62% . La spuntano sul quorum i 7 candidati senza sfidanti, dove era in corsa una sola lista. Dunque fascia tricolore a Frigento per Carmine Ciullo, a Lacedonia per Antonio Di Conza, a Lioni per Yuri Gioino, a Manocalzati per Pasquale Tirone, a Montaguto per Marcello Zecchino, a Teora per Pasquale De Chirico e a Torella per Amado Delli Gatti.

Tre conferme importanti arrivano da comuni strategici e medio grandi: centra il bis a Monteforte Costantino Giordano; a Serino secondo mandato per Vito Pelosi, Pasquale Pisano resta in sella a San Martino Valle Caudina.

A Guardia Lombardi Antonio Gentile cede il passo a Francantonio Siconolfi. A Roccabascerana riconfermato il sindaco Roberto Del Grosso.

Finisce un’epoca a Montefredane, dove a sorpresa Ciro Aquino batte Valentino Tropeano. Exploit di Angelo Antonio D’Agostino a Montefalcione, il presidente dell'Avellino calcio la spunta contro Rossella Baldassare, figlia del sindaco uscente.

A Sperone "l’Orologio" segna l’ora di Adolfo Alaia. A Villamaina capolinea per il sindaco Stefania Di Cicilia, che passa il testimone, per un un soffio, a Nicola Trunfio. A Sant'Angelo all'Esca, per un centinaio di voti, si conferma Attilio Iannuzzo. A Bagnoli su tre aspiranti la spunta Filippo Nigro. A Calabritto resta in carica Gelsomino Centanni. A Monteverde Antonio Vella vola al 60%. A Petruro rivince Giuseppe Lombardi, mentre a Ospedaletto il nuovo sindaco è  Luigi Marciano.

Trionfo a Sant'Angelo a Scala per Carmine De Fazio, che raccoglie l'85% dei consensi. A Sturno secondo mandato per Vito Di Leo.  

Missione compiuta ad Avella per Vincenzo Biancardi, che con un plebiscito subentra al fratello Domenico, uscente e presidente della Provincia. Ad Aiello del Sabato fascia tricolore per Sebastiano Gaeta, già vicesindaco con Urciuoli. Nel Vallo, a Lauro Bossone batte Moschiano con il 55% dei consensi; a Pago Mercogliano supera lo sfidante Amato. A Forino, sui quattro aspiranti, la vittoria va ad Antonio Olivieri, che dopo il commissariamento si riprende il comune con il 32% dei voti. Pietrastornina si affida di nuovo a Marco Rizzo. Rotondi volta pagina con Giuseppe Ilario. Senerchia segna il ritorno sulla scena di Adriano Mazzone. A Scampitella l'unico sindaco donna di questa tornata, Vincenza Cassese.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO