De Luca contro Salvini: ''Cafone e sciacallo, tre volte somaro''

19 giugno 2020, 15:03
3415
Condividi

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante la sua diretta Facebook

''C'è un somaro politico (il riferimento è a Matteo Salvini) che ha ripreso a ragliare. Mi riferisco ad alcuni commenti dopo la festa dei tifosi del Napoli per la vittoria della Coppa Italia. Commenti che hanno portato alla luce una propensione sotterranea incancellabile allo sciacallaggio, perfino al razzismo, nei confronti di Napoli e del Sud che pare difficile da estirpare. Ragazzi tifosi del Napoli hanno fatto una manifestazione di gioia. Un episodio che sarebbe successo nella stessa maniera ovunque. Voglio ricordare che in altre città del paese, penso a Torino, in occasione di una partita della Juve in Champions, ci sono stati morti e feriti. Siccome è capitato a Napoli, il cafone ha ritenuto di fare dei commenti. Io credo che quel cafone politico abbia dimostrato di essere davvero tre volte somaro.

Primo perché se uno organizzoa il 2 giugno a Roma una manifestazione in violazione delle norme anti assembramento e poi si permette di aprire bocca, vuol dire che questo esponente politico ha la faccia come il fondoschiena, peraltro usurato.

Secondo motivo di ciuccciaria: si fa assembramento notturno e l'equino chiede risposte al presidente della Regione. E' giusto ricordare al somaro che l'obbligo di mantenere il rispetto delle regole riguarda il Ministero dell'Interno e il Prefetto. Il Presidente della Regione non c'entra niente.

Infine, siamo di fornte davvero ad atti di volgare sciacallaggio. Se noi avessimo adottato lo stesso criterio avremmo dovuto dire parole di fuoco nei confronti di altre realtà del Nord e di sistemi sanitari dove si sono registrati morti a migliaia. Se fossimo stati sciacalli avremmo scatenato una campagna di aggressione mediatica. Ma noi, diversamente dal neanderthal, siamo persone civili e ribadiamo la nostra solidarietà a chi ha sofferto''.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO