Piano di Sviluppo Rurale, la Regione chiede 641 milioni del Pnrr

Palazzo Santa Lucia, sede della Regione Campania
14 ottobre 2021, 13:52
218
Condividi
“Abbiamo recepito con estremo interesse e soddisfazione – dichiara il presidente di ANPCI Campania, Zaccaria Spina – l'iniziativa dell'amico assessore Nicola Caputo, il quale, in piena sintonia con il Presidente De Luca, ha proposto la delibera che impegna la Regione Campania a negoziare con il Governo la copertura di 641 milioni di euro per attivare le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) a beneficio di tutti quei progetti che non hanno trovato capienza finanziaria nelle risorse del Piano di Sviluppo Rurale, pur essendo stati giudicati positivamente in sede di istruttoria”. “Per i comuni di minore dimensione, che in Campania sono circa 350 sui 550 totali – prosegue il Presidente di ANPCI Campania –, l'agricoltura rappresenta una delle prospettive più interessanti, in quanto è un settore trainante che può creare occupazione tra i giovani e generare un indotto importante per la crescita dei territori. Per le aree interne l'agricoltura deve tornare ad essere il volano per lo sviluppo e ciò non può avvenire senza un supporto decisivo da parte della Regione Campania e dell'Unione Europea. Per questi motivi, a nome di ANPCI Campania riconfermiamo il plauso all'iniziativa dell'assessore Caputo”. Con le ulteriori risorse richieste potranno, dunque, essere finanziati i progetti ammissibili ma non finanziabili per esaurimento della dotazione finanziaria dei bandi: per la TI 4.1.1, 938 progetti per un valore di 244.312.047,24 euro; per il Progetto Integrato Giovani, 1.241 progetti, per un valore di 308.971.047,61 euro; per la TI 4.4.2, 257 progetti, per un valore di 42.375.125,81 euro; per il Progetto Collettivo di Sviluppo Rurale, 42 progetti (42 interventi pubblici proposti da comuni e 102 attività produttive proposte da soggetti privati), per un valore di 45.257.263,07 euro.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO