Nuovi soci onorari per “Liberi per Liberare”: percorso naturalistico intitolato a Fucci e alle vittime di un incidente stradale

22 ottobre 2021, 13:53
922
Condividi
Riprendono le attività dell’associazione “Liberi per Liberare”, nata dieci anni fa per portare supporto e umanità all’interno delle carceri di Ariano Irpino. Ieri sera, l’intitolazione di un percorso naturalistico, negli orti del Santuario di Carpignano, ai tre giovani di Carpignano che hanno perso la vita qualche anno fa in un tragico incidente stradale e al compianto maestro Salvatore Fucci. Riconoscimenti per 4 nuovi soci onorari, persone che da sempre lavorano nell’ottica della solidarietà.

Negli anni, sono stati realizzati progetti importanti all’interno e anche all’esterno delle carceri tenendo impegnati i detenuti e offrendo servizi anche alle loro famiglie. Riprendono le attività dell’Associazione “Liberi per Liberare” nata nel 2012, dopo un lungo periodo di interruzione e con il ritorno di padre Nicola De Rienzo di nuovo in “servizio” al Santuario di Carpignano, ma non più padre Cappellano. Con l’evento di ieri sera è stato sancito ufficialmente il nuovo slancio dell’associazione. E’ stato intitolato un percorso naturalistico negli orti del Santuario, ai tre giovani di Carpignano che hanno perso la vita qualche anno fa in un tragico incidente stradale, Francesca e Lorenzo Schirinzi e lo zio Rocco Guarino, e al compianto maestro d’arte Salvatore Fucci benefattore del Santuario.

Dopo la celebrazione eucaristica, consegnate delle targhe di riconoscimento a soci onorari a 4 persone che ricoprono importanti ruoli e incarichi di responsabilità e che non hanno mai perso di vista la solidarietà e l’umanità, prestando aiuto al prossimo. Riconoscimento per Tiziana Petrillo, dirigente polizia penitenziaria; Maria Felicia Gerarda Salerno, vice questore della polizia di stato; Sabato Tufo, maresciallo maggiore dell’arma dei carabinieri di Grottaminarda; Giuseppe Bruno, imprenditore Irpino. La serata è stata finanziata interamente dal CESVO-Lab, sostegno e guida a tutte le forme associative del territorio che offre supporto, sostegno e finanziamenti ai vari progetti proposti. Presente il delegato di Flumeri, Francesco Giacobbe. L’associazione “Liberi per Liberare” è nata circa dieci anni fa per portare supporto e umanità all’interno delle carceri di Ariano Irpino. I suoi principi si basano sui valori fondamentali dell’ordine religioso della Beata Vergine Maria della Mercede dal suo fondatore San Pietro Nolasco.

(di Nancy D'Alessandro )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO