Benevento, l'obelisco egizio sarà restaurato in California: ecco perché

obelisco
03 giugno 2016, 19:45
1136
Condividi

L’obelisco del tempio egizio di Iside custodito al Museo Arcos di Benevento sarà restaurato dal Paul Getty Museum di Los Angeles.

Il restauro dell’obelisco (Inv. 1916), che probabilmente era posto all’ingresso dell’Iseo dell’imperatore Domiziano, si inquadra in un contesto di cooperazione culturale che coinvolge anche importanti collezioni di reperti egizi presso altre istituzioni italiane.

Il Paul Getty Museum, considerato l’afflusso di visitatori interessati proprio a questi reperti ha richiesto alla Provincia, proprietaria dei beni, di voler cooperare per una mostra sul tema dell’Egitto da allestire nel 2018 nella sede californiana visitata ogni anno da 1,5 milioni di persone. In cambio di tale concessione il Paul Getty Museum ha assicurato il restauro dell’obelisco.

Al termine dell’ultima riunione di lavoro si è appreso che il Paul Getty Museum presenterà alla Provincia un progetto dettagliato per il restauro del reperto.

L’obelisco, in granito, alto circa 3 metri, che presenta su tutte e quattro le facciate iscrizioni con dedica dell’imprenditore Rutilius Lupus all’Imperatore Domiziano, necessita di un urgente intervento di salvaguardia strutturale.

Il Paul Getty Museum, che sta raccogliendo le adesioni alla trasferta di altri reperti neo-egizi presenti in altri musei italiani, egualmente contattati in questi giorni, intende dare una visibilità ed un ruolo particolari all’Obelisco in occasione della Mostra del 2018.

Spier ha infatti comunicato l’intendimento del Paul Getty Museum di collocare l’obelisco “beneventano” nella Sala d’ingresso del museo californiano per tutta la durata della mostra, quasi a fungere da “biglietto da visita” o da “banner” della mostra medesima.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO