Comune, Mastella ritira le dimissioni, crisi terminata

Mastella
22 febbraio 2020, 07:02
508
Condividi

Il colpo di scena annunciato giovedì sera ha avuto la sua conferma nella tarda serata di ieri. (vedi altro articolo ‘Colpo di scena in arrivo? Mastella incontra i suoi fedelissimi’)Indiscrezioni confermate.

Clemente Mastella resta sindaco della città di Benevento. Trova la quadratura del cerchio e va avanti.

Alle 22.30 circa di ieri sera il sindaco Clemente Mastella ha deciso.

La lettera del ritiro delle dimissioni è stata protocollata presso gli uffici della Polizia municipale.

Alle ore 13 spiegherà alla città i motivi di un cambio di rotta per niente scontato ma che nella giornata di giovedì sera era nell’aria. 

Il 2 febbraio l'ex Guardasigilli, come si ricorderà, decise di staccare la spina perché impossibilitato ad andare avanti nel percorso amministrativo e nella sua lettera di comunicazioni mise nero su bianco la sua decisione del voto anticipato: "... Dimissioni irrevocabili".

Da allora la fascia tricolore è stata irremovibile fino a giovedì. Positivo anche il pressing dei suoi fedelissimi che si erano detti pronti al voto ma nello stesso tempo e soprattutto nella giornata di mercoledì, lo avevano scritto a chiare lettere: '...invitiamo il sindaco a ritirare le dimissioni per portare avanti i progetti per la nostra città'. Ma chiaramente c'è anche dell'altro. C'è il senso di una maggioranza più coesa. C'è il senso di responsabilità di continuare il percorso che Benevento gli ha voluto affidare quando lo volle alla guida della sua comunità.

C'entra anche l’avvicinamento del governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca che aveva invitato a dare continuità amministrativa, in più occasioni? C'entrano le voci di un appoggio di qualche consigliere democratico per blindare ulteriormente la sua maggioranza, o sono semplici malelingue?

Nelle prossime ore, ma soprattutto nei prossimi giorni e durante i prossimi consigli comunali con ordini del giorno importanti, si saprà di più. 

La certezza ora c’è: non più voci ma ufficialità. Mastella continuerà ad essere il sindaco del capoluogo sannita.

AGGIORNAMENTO

Il primo cittadino Clemente Mastella spiega alla città le motivazioni che lo hanno spinto a dimettersi e a stringere di nuovo la mano alla città.

MOTIVAZIONI IN PILLOLE...

MAGGIORANZA NON COESA. “… C’eravamo lasciati 20 giorni fa. Mi dimisi perché la maggioranza che doveva essere coesa calpestava tali motivazioni e tentava di porre ipoteche – si badi bene – richieste politiche delle più disparate.

LA FORMAZIONE DEI GRUPPI. Dopo essere stati eletti nelle mie liste sono finiti in gruppi... Una cosa che non mi ha gratificato.

COALIZIONE DI RESPONSABILITA’.... Io non devo fare accordi con nessuno. L’unico accordo lo faccio con la città.

La parte finale della mia vita sarà destinata a realizzare condizioni migliorative della città di Benevento perché può ancora crescere dal punto dei servizi, della vivibilità”.

ALLEANZA DI CONSIGLIERI RESPONSABILI. “Non voglio stringere patti con chi ha determinato queste condizioni.

Mastella dice sì “ad una coalizione di responsabilità… al di là dei parametri”.

A buon intenditor... 

PATTO CON LA CITTA’. “Nessuno accordo particolare, ma un patto per la città”.

____________________________

LE REAZIONI....

LE BORDATE DEL PD CITTADINO. "FINE DI UNA SCENEGGIATA".

"Il sindaco Mastella si è finalmente deciso a porre fine alla sceneggiata. Uno spettacolo deprimente, venti giorni di incoscienza….

Dopo tanta attesa, tanti proclami, tante chiacchiere e tanti schiamazzi, la crisi si è sciolta come neve al sole e nulla è cambiato: Clemente Mastella continuerà a non amministrare, e lo continuerà a fare da padre/padrone, senza il minimo rispetto per il Consiglio Comunale e per la nostra città, col puntello di una maggioranza risicata, autoreferenziale...".

"Come Circolo del Partito Democratico di Benevento fin dall'inizio della crisi abbiamo chiarito due cose: il PD è all'opposizione di questa cattiva amministrazione e ci resterà; il sindaco avrebbe dovuto portare il dibattito sulla crisi in Consiglio Comunale. 

Lo ribadiamo ancora più convinti di essere nel giusto. 

Ripartiremo dal tavolo del centrosinistra, che si è riunito questa settimana, ampliando il dibattito alle forze civiche e alle associazioni, con immutato spirito di collaborazione, lavorando su temi e argomenti veri e necessari per Benevento, per fornire un'alternativa seria”.

VALENTINO: "POCO RISPETTOSO RIFUGGIRE DAL CONFRONTO"

"Apprendiamo, onestamente senza sorpresa alcuna, del ritiro delle “irrevocabili” dimissioni del sindaco della città Capoluogo, annunciate da tempo e presentate il 2 Febbraio u.s.".

Così il segretario provinciale del Pd, Carmine Valentino. "Nel corso di questa “strana crisi”, abbiamo sin da subito sostenuto una  linea politica chiara e coerente. Peccato, tuttavia, come richiesto più volte, anche insieme al Movimento 5 Stelle, non aver consentito al Consiglio Comunale di esprimersi in un dibattito che avrebbe fatto bene alla Politica e alla Città di Benevento. A prescindere dagli esiti. Rifuggire il confronto ci è apparso incomprensibile e poco rispettoso del popolo Beneventano, ma tant’è!

Superfluo rimarcare e specificare quale sarà il ruolo del Partito Democratico in questo ultimo anno di Consiliatura. Coerentemente con il mandato elettorale consegnatoci nel 2016, sarà nostro compito adempiere al meglio al vigile ruolo dell’opposizione.

Nulla di nuovo, si potrebbe dire, ma tutto sempre più chiaro. Ai cittadini ed elettori di Benevento, giudici inappellabili, tocca aspettare ancora un anno, o poco più, per emettere l’ardua sentenza. A Noi la responsabilità ed il compito di meritarne, con i fatti, la fiducia".

(di Teresa Lombardo )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO