Estorsioni e minacce a imprenditori e commercianti: maxi retata all'alba. In manette gruppo criminale

13 luglio 2020, 06:49
741
Condividi

Maxi retata dalle prime luci dell'alba: i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Montesarchio, con l’ausilio di unità cinofile e con il supporto aereo dell’Elinucleo Carabinieri di Pontecagnano, stanno dando esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli su richiesta della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 9 appartenenti a un sodalizio criminale dedito a estorsioni con metodo mafioso nei confronti di commercianti e imprenditori della Valle Caudina. (GUARDA IL VIDEO DELL'OPERAZIONE)

I dettagli dell’operazione saranno resi noti nella mattinata dalle ore 10.30 in poi presso il Comando provinciale Carabinieri di Benevento.

 IN AGGIORNAMENTO

Terrorizzati, minacciati e sotto scacco. E’ finito l’incubo per imprenditori e commercianti  della Valle Caudina costretti a versare somme di denaro ad un pericoloso gruppo criminale.

Richieste estorsive anche di 100mila euro.

Grazie a serrate e dettagliate indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, all’alba di questa mattina, c’è stata la maxi retata dei Carabinieri della Compagnia di Montesarchio, agli ordini del maggiore Leonardo Madaro, che hanno dato esecuzione a una ordinanza, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli, con la quale sono state arrestate 8 persone gravemente indiziate, a vario titolo, dei reati, in concorso, di tentata estorsione aggravata, detenzione e porto in luogo pubblico di arma da fuoco e ordigni rudimentali, con le ulteriori aggravanti di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di assoggettamento e omertà previste dall’art. 416-bis del codice penale (reati connessi ad attività mafiose). 

A carico di un altro soggetto, è stata emessa ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di dimora in tutto il territorio della Regione Campania. 

Il provvedimento trae origine dalle attività poste in essere dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Montesarchio, i quali, da agosto 2018, avvalendosi anche di attività di intercettazione telefonica, cui si è affiancata un’attività di polizia di tipo tradizionale hanno raccolto riscontri oggettivi dell’attività posta in essere dal sodalizio criminale.  

Gli atti intimidatori, accertati dai carabinieri da settembre 2018 fino al mese di maggio 2019, avevano anche lo scopo di mostrare l’esistenza e la forza di una nuova consorteria criminale sul territorio, attraverso azioni violente e minacciose con intrinseca carica intimidatrice, con l’obiettivo di determinare assoggettamento e omertà.

Gli arrestati sono stati associati presso le case circondariali di Napoli-Secondigliano e Napoli-Poggioreale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(di Teresa Lombardo )

FOTOGALLERY

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO