Paese senza acqua, sindaco a confronto con l’Alto Calore: “Gestire meglio i disservizi”

acqua rubinetto
04 luglio 2020, 08:29
578
Condividi

Il sindaco di San Leucio del Sannio Nascenzio Iannace e l’Amministrazione Comunale intervengono sulla questione legata alla carenza idrica che ha interessato le utenze sanleuciane.
Da alcuni giorni l’intero territorio comunale di San Leucio del Sannio ha subìto una forte diminuzione del flusso idrico con particolari disagi prolungati in varie frazioni quali Santa Maria, Vigne, Casale Maccabei e altre aree periferiche che hanno visto i rubinetti a secco per varie ore al giorno.
Il sindaco Iannace e i suoi delegati, oltre all’interfacciarsi con i tecnici di zona, hanno richiesto ed ottenuto un incontro con i servizi amministrativi dell’Alto Calore, competenti per il distretto locale.

Si è cercato di sviscerare quale fosse il problema e parallelamente si sono attivate le necessarie operazioni volte ad evitare nel futuro che i cittadini sanleuciani debbano restare nuovamente senz’acqua.
Il primo cittadino, unitamente all'Amministrazione comunale, ha inoltre sottolineato “con forza come la situazione di quest’anno sia apparsa subito più grave se paragonata agli anni passati.

L’Alto Calore ha garantito immediatamente un lavoro attivo e fattivo verso gli utenti sanleuciani al fine di limitare il più possibile i disagi, anche se è ovvio che disservizi così importanti non sono risolvibili nel breve periodo, ma possono essere certamente gestiti meglio”.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO