Cavese e Avellino verso il ritiro a Sturno

calcio
11 luglio 2020, 13:21
4406
Condividi
In casa Avellino si sta finalmente programmando il ritiro estivo. La prima scelta, come spesso è successo negli anni scorsi, è caduta sul Castagneto di Sturno. La società biancoverde ha infatti inviato una richiesta al comune guidato dal sindaco Vito Di Leo, per poter usufruire del campo sportivo nella seconda metà di agosto. Ma del futur (ancora) non c’è certezza. La pandemia ha stravolto i programmi anche dei campionati di calcio: manca la data ufficiale per l’avvio della stagione 2020-21 e il calcio mercato inizierà solo il primo settembre e questo non permette a società e comune ancora di stringere un accordo formale. “Ma la volontà – ammette il sindaco – c’è tutta. Le intenzione per accogliere i lupi ci sono. Bisogna solo trovare la quadra sul periodo”. Al comune di Sturno infatti sono già arrivate nelle scorse settimane più richieste da parte di società, non solo campane, che chiedevano di poter effettuare il ritiro nel comune irpino. “L’idea sarebbe quella – dice di Leo - di riuscire ad ospitare un’altra squadra oltre all’Avellino”. In pole c’è la Cavese, la prima a richiedere l’ok per il ritiro a Sturno. “La nostra – sottolinea il sindaco – è una struttura ambita grazie al terreno di gioco in erba naturale e che quest’anno si presenta ancor di più in condizioni perfette”. E le buone notizie per la cittadella dello sport non sono finite. Dopo anni di chiusura, potrebbe riaprire già a fine mese la piscina scoperta. “Mancano gli ultimi lavori poi l’impianto sarà restituito ai cittadini, sturnesi e non – commenta Di Leo – anche in questo caso il ritardo è stato dovuto alla pandemia. Ma stiamo recuperando e si spera che nel mese di agosto si ritorni ad utilizzare anche questo impianto”.
(di Vincenzina Ricciardi )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO